Don Carlo a Tel Aviv dirige Daniel Oren

Successo per l'opera verdiana con nuove tecniche recitazione

Solutions Manager
  • Successo per l'opera verdiana con nuove tecniche recitazione
  • (ANSA) - TEL AVIV, 17 MAR - L'opera verdiana più adattata e rappresentata, Don Carlo conquista il palcoscenico dell'Opera House di Tel Aviv. Fino al 23 marzo, a Tel Aviv, il maestro Daniel Oren dirige la nuova produzione del capolavoro di Verdi.
        Amore, amicizia, intrighi politici e la battaglia tra potere religioso e temporale: Don Carlo, su libretto di Joseph Méry e Camille du Locle, tratto dalla tragedia di Friedrich Schiller, parte dagli eventi storici di un personaggio classico come Carlos, Principe delle Asturie e svolge la trama della sua vita.
        L'opera è considerata la migliore creazione musicale di Verdi, quella che ne esprime la visione del mondo liberal-umanista.
        Unisce le qualità operistiche, a partire dalle tradizionali arie del Belcanto, duetti e ensemble creati appositamente ai grandi strumenti dell'opera francese. La produzione coinvolge un grande cast di cantanti e strumentisti, tra cui gli italiani Gustavo Porta nel ruolo di Don Carlo e Carlo Striuli in quello del monaco. Regia di Giancarlo Del Monaco-Zukerman.