Commisso, 'in Serie A non mi sento secondo a nessuno'

Patron viola,'Rocco è ricco,ma datemi tempo.Futuro Chiesa rebus'

Solutions Manager
  • Patron viola,'Rocco è ricco,ma datemi tempo.Futuro Chiesa rebus'
  • (ANSA) - FIRENZE, 01 SET - In Serie A non mi sento secondo a nessuno. Sono venuto in Italia per dare a questo paese un pochettino di quello che ha dato a me. I tifosi devono capire che dobbiamo incrementare i nostri ricavi per migliorare e crescere. Serve tempo".
        Così il presidente Rocco Commisso, ai microfoni di RTV38, parla della sua Fiorentina a poco più di due settimane dall'inizio del campionato. Sul mercato e sulle prossime operazioni Commisso vuol essere chiaro con i tifosi viola: "I tifosi mi rispetteranno se dico la verità. La Fiorentina dodici anni fa aveva 100 milioni di ricavi. Un anno fa era a 93. Con il Covid siamo scesi a 87 e potremmo arrivare a 82 in quest'anno.
        Quest'anno le perdite cash - aggiunge - saranno 50 milioni di euro senza considerare il mercato di settembre. Noi abbiamo trovato la Fiorentina con 40 giocatori che abbiamo dovuto vendere". "Poi zero infrastrutture - sottolinea il proprietario della società viola -. C'è bisogno di tempo. Io posso mettere soldi nel corso degli anni, e sono disposto a comprare anche altri calciatori. Abbiamo però già fatto tanto l'anno scorso e a gennaio, e preso tanti calciatori: i tifosi devono capire che non tutto si può fare in un giorno, anche se Rocco è ricco.
        Datemi un po' di tempo, io ho le mie ambizioni e qualche obiettivo segreto: spero di fare meglio rispetto al decimo posto".
        Un mercato, quello della Fiorentina, che passerà anche dal futuro di Federico Chiesa. Commisso non nasconde che il giocatore potrebbe lasciare Firenze, come anche rimanere. "Fino ad oggi non abbiamo mai ricevuto nessuna offerta per Chiesa - spiega -. Non ci sono mai state, non è vero che ne abbiamo ricevute. Se qualcuno dice che sbaglio, mi porti i documenti. Io a Chiesa voglio bene e gli ho promesso che può andare se porta il giusto prezzo. Vediamo cosa succede, io non mando nessuno via". (ANSA).